Viale aldo moro:

da Antonio Castello
Visite: 8732

i pioppi erano poco adatti alla città e non erano sicuri...

L’Amministrazione Comunale ha, al primo  posto nel suo programma, la realizzazione di una Pianezza più bella e vivibile. «Per  questo – spiega il Sindaco Antonio Castello – siamo partiti, in una prima fase e in questo  primo anno dopo la rielezione, dalla creazione delle infrastrutture necessarie». La  seconda fase, di prossima partenza, è l’abbellimento dell’arredo urbano, dei giardini  e delle strade e vie di Pianezza. La situazione di viale Aldo Moro era nota, monitorata e, in zona, era già pianificato un intervento.  La precedente giunta aveva deciso e finanziato la piantumazione dei pioppi cipressini attualmente presenti. «Questo tipo di  alberi, che di norma cresce in campagna, sulle sponde dei fiumi, non è però molto  idoneo alla città. Necessita di spazio, ha  grandi radici che vanno a minacciare le case e gli spazi privati, creando danni, anche  importanti su fondamenta, marciapiedi, strade e giardini». Si tratta, infatti, di piante  di alto fusto, poco sicure in caso di intemperie, fuori luogo in un contesto urbano,  che più vengono potate più si sviluppano sottoterra: «Al nostro insediamento, nel  2011, abbiamo evitato che ne venissero piantumate altre a Pianezza» puntualizza il sindaco.  Un intervento per la loro rimozione in viale Aldo Moro era già in programma per il  prossimo anno, «ma è stato anticipato a causa delle due trombe d’aria che hanno colpito la nostra città». Dopo il maltempo, infatti, vari sopralluoghi in zona condotti  da agronomi e dalla Protezione Civile hanno fatto emergere come quelle piante fossero assolutamente da togliere. «Non sarebbero dovute mai esserci, ma erano a rischio  crollo imminente, assolutamente da rimuovere secondo la relazione tecnica che abbiamo avuto», chiosa il sindaco. Le piante  abbattute sono state 70 «ma l’obiettivo è sostituirle tutte, visto che non sono sicure». La stessa relazione, infatti,sottolinea proprio che sono piante poco idonee e poco sicure e invita a una rimozione programmata.

 

 

Leave your comments

Comments

Load More